La metà del mio armadio è fatta di oggetti vintage o di seconda mano. Questo mi ha messo in modalità di meditazione "on" sul perché mi piace così tanto indossare e comprare vestiti vintage.  Ricordo ancora uno dei primi pezzi vintage che abbia mai comprato: una borsa di Roberta di Camerino sul banco del mercato alla Montagnola di Bologna; più di 30 anni fa.

Ora il mio armadio è pieno di vestiti cuciti a mano in cotone, jersey, velluto e borse di tutte le forme, colori e materiali. 

Ma, perché dovrei (e il resto del mondo dovrebbe) consumare così tanto vintage? 

Mah!

Il Vintage è un mondo originale, sempre. 

Perché siamo seri ... A chi piace andare ad una festa e scoprire che stai indossando lo stesso abbigliamento di altri tre o quattro ospiti solo perché l'hai comprato nel negozio del fast fashion della tua città? Non è certo divertente. 

Comprando vintage, ti assicuri che tu e solo tu finirai per indossare un pezzo unico che potrebbe essere stato realizzato anni fa, quando le quantità di produzione erano ridotte. Per non parlare dei capi sartoriali o dei couturier.

Aiuta a promuovere il commercio locale e di prossimità. 

I migliori negozi vintage si trovano nei centri storici, nella parte più antica della tua città o nei più colorati mercati stagionali o tematici. 

Acquistare il vintage aiuta i piccoli proprietari e le aziende emergenti, e contribuisce a sviluppare un'idea legata ad un concetto di economia locale.

È più economico dello shopping normale. 

Ci sono anche negozi vintage e second hand di fascia alta focalizzati su beni di alta gamma,  marchi internazionali: abiti che possiamo considerare d'archivio, testimoni della storia del costume; un documento che io definisco di valenza antropologica e sociale. Ma per la maggior parte si tratta di un modo di acquistare a prezzi contenuti: i miei luoghi preferiti sono quelli in cui ci si può perdere tra banchi colorati per l'intera mattinata e dove si è in grado di annusare gli anni e le storie dei tessuti.E riguardo la storia degli abiti, rileggo volentieri quello che è scritto su http://www.lefunkymamas.com/tuoi-vestiti-fashrev/  : viva la fashion revolution.

È una questione di ecologia. 

Non dimentichiamoci che l'abbigliamento è la seconda forma di inquinamento al mondo.

Ogni volta che acquisti vestiti vintage o usati, stai aiutando l'ambiente perché stai riciclando! 

Per ogni capo di abbigliamento fatto da zero, ci sono enormi quantità di carburante, sostanze chimiche come coloranti e sostanze tossiche coinvolte. Stai aiutando a utilizzare meno risorse per i vestiti che indossi, perché stai usando qualcosa che è già stato usato per un po ', ma prodotto da tempo.

La storia dietro le "cuciture". 

A volte puoi essere abbastanza fortunato da conoscere le storie dietro i vestiti che indossi, cosa che non accade con gli abiti nuovi: la signora che ha ordinato quella giacca di pizzo per il matrimonio della figlia; le cose della nonna, come quella gonna a matita che si fece fare dalla principale sartoria maschile della mia città.Si, sono alcune delle esperienze che ho la fortuna di sapere, qualche volta, quando le vite degli altri si incrociano con la mia, quando indosso con piacere la storia di qualcuno che mi ha preceduto.